In arrivo i Summer Camps di Obiettivo Sport. Il golf con il tecnico della Federazione Andrea De Giorgio

Si avvicina l’estate, e anche quest’anno ritornano i Summer Camps organizzati dall’ASD Obiettivo Sport nei comuni di Arcene, Caponago, Gessate, Pozzo d’Adda e Treviglio. Quest’anno il format dei campi estivi sarà però di totale innovazione e caratterizzato da una ricchezza assoluta di offerta.

Infatti ci sarà  la grande novità dell’introduzione delle attività artistiche (canto, strumentale, giochi musicali, di scrittura e di disegno) che si andranno ad affiancare alle tante discipline sportive che spazieranno dalle più tradizionali come calcio, basket, tennis e volley, fino a tante altre più innovative (golf, capoeira, parkour, zumba, solo per citarne alcune). Ad arricchire il tutto, la presenza di illustri istruttori qualificati con importanti esperienze nel loro campo.

1384256_587650008069337_6917286942549638868_n

Vi presentiamo oggi il golf, con il maestro Andrea De Giorgio, giocatore professionista e tecnico della Federazione Italiana Golf. Nel corso della sua lunga carriera, oltre a sviluppare una particolare attenzione per l’aspetto mentale di questo sport, ha seguito la preparazione tecnica e strategica di tanti golfisti, tra cui il campione Matteo Manassero.

Muovere i primi passi nel golf, con un’attenzione particolare all’aspetto mentale in modo da trasferire quanto appreso anche negli altri sport. È questo l’intento principale del tecnico Andrea De Giorgio, che terrà il corso di golf nel Summer Camp 2016 di Obiettivo Sport a Gessate.

Una lunga carriera nel golf, in cui De Giorgio ha potuto sviluppare da giocatore prima, da tecnico poi, una serie di competenze che lo fanno oggi un esperto di questo mondo, in particolar modo dell’aspetto mentale.

«Ho iniziato a giocare a golf a 13 anni, quindi relativamente tardi se teniamo conto che oggi si inizia a giocare anche a 6 anni – spiega De Giorgio –. La mia carriera agonistica è iniziata a 20 anni, e nei successivi dieci anni ho cercato di recuperare quello che non ho fatto da piccolo. Nel corso degli anni ho poi subito diversi infortuni, quindi non potendo giocare con continuità ho sviluppato un particolare interesse per la parte mentale, una componente molto importante nello sport».

4a5f03b2-3e3f-4db8-8084-a77008cc6dee
Il maestro Andrea De Giorgio

All’età di 30 anni, De Giorgio si è affacciato nel mondo dei professionisti: «Ho sempre giocato con la passione, ma anche con l’obiettivo e la speranza di diventare professionista. Per fare ciò mi sono fatto aiutare da uno psicologo sportivo, il professor Roberto Cadonati».

Nel 2004, qualche anno dopo l’ingresso tra i professionisti, per De Giorgio è arrivata la chiamata come tecnico federale, ruolo a cui Federazione e Comitato lombardo affidano i giovani talenti da cui poi spesso la Federazione attinge per la convocazione in Nazionale.

Nel frattempo è continuata la collaborazione con il professor Cadonati, culminata nell’uscita del libro “Giocare a golf ConVincenteMente”: «È il frutto di otto anni di collaborazione, in cui si giocava con lo scopo di scoprire i passaggi mentali e rendere più facile l’apprendimento del gioco. Ho poi sviluppato un altro progetto, un software per tenere statistiche e utile a capire punti di forza e debolezza per allenarsi in modo mirato».

Nel corso della carriera da tecnico, De Giorgio ha avuto la fortuna di incontrare il campione Matteo Manassero, che detiene il record di più giovane vincitore dello European Tour.  «L’ho seguito due anni al club dei giovani del GardaClub, si vedeva fin dall’inizio che sarebbe stato un campione, ha iniziato a giocare all’età di tre anni. È giusto anche dire che non sono stato il suo unico allenatore, ma ho avuto la fortuna di vederlo giocare da giovanissimo» rivela.

De Giorgio prosegue poi raccontando l’idea che ha in mente per il campo estivo di Gessate: «Vorrei utilizzare un’attrezzatura sviluppata negli Usa, apposta per i bambini: bastoni dedicati, con la faccia più grande per colpire meglio la pallina, e bersagli. I bambini sono favolosi, imparano in fretta, soprattutto quelli che sono meno condizionati, perché più si cresce e più si è condizionati. L’intento è di far vedere loro cos’è il golf e cosa può farli diventare».

«Perché nel golf – prosegue – sei solo. Ci si dà le penalità da soli: è importante quindi anche lo spirito con cui si affronta questo sport».

Uno sport che, contrariamente a quanto si possa pensare, può essere assimilato ad altre discipline: «La parte mentale, e quella della battuta, è simile al servizio nel tennis, il rigore nel calcio e il tiro libero nel basket. Può essere divertente e interessante imparare qualcosa dal golf e portarla poi negli altri sport».

 

L’associazione sportiva Obiettivo Sport, nata nel 1999, gestisce i centri sportivi di Arcene, Caponago, Gessate, Pozzo d’Adda e Treviglio, e organizza tornei per oltre venti discipline differenti tra cui tennis, calcio a 5 e tennis tavolo.

 

CONTATTI:
Email obiettivosport.web@gmail.com
Blog https://obiettivosport.wordpress.com/
Facebook https://www.facebook.com/obiettivosport.eu/
Cellulare 334.1456374

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...